Arrivederci ragazzi: l’antologia

Sembra il titolo dell’episodio finale di una trilogia di film di supereroi, ma se frequentate il blog da un po’ (voi affezionati dodici lettori) vi ricorderete del salotto letterario che abbiamo tenuto lo scorso autunno sul tema della formazione. Insieme a Renato Costa e Sandro La Gaccia, scrittori ed editor, abbiamo parlato di Bassani, Murakami e London e dei loro romanzi di formazione. Sono stata forzata a rileggere “Il giovane Holden” il mio grande spauracchio dell’adolescenza che non si è conquistato le mie simpatie in età adulta.

Dopo queste conversazioni è partito un progetto di scrittura creativa rivolto agli studenti dell’Università di Padova, con il patrocinio dell’ESU di Padova. L’obiettivo era la creazione di racconti che trattassero, appunto, di formazione. Con una gestazione relativamente breve, ecco che alcuni mesi dopo sono a presentarvi il prodotto del corso: “Arrivederci ragazzi”, l’antologia edito da Ciesse Edizioni.

Se penso ai rombi rossi, m’intristisco. Qualcosa che non ho mai avuto, mi dico, che non stringerò mai. Dovevano essere legati ai malumori di quell’autunno, quindi, quando lavoravo come postino nella città dov’ero studente della facoltà di lettere. Con la brutta stagione non erano aumentate solo le ore di buio, si era incupito anche il mio modo di pensare. Ero diventato pessimista, perché mi sembrava di sprecare tempo: tutta la settimana in giro con la bici, poi chiuso in casa nel week-end.

“Vertigine”

Visto che il mese di maggio è iniziato con un “Ex Novo” in transito, proseguiamo su questa falsa riga. Tutti siamo in transito, così come tutti siamo in formazione. Per fortuna, il nostro maturare non si ferma all’età adolescenziale, ma continua per tutta la nostra vita, chiaramente con problemi ed evoluzioni diverse. Quando ho incominciato la lettura dell’antologia, sono andata indietro con la memoria* ai miei punti nodali di formazione del periodo universitario. Mi sono immersa tra le pagine con un misto di curiosità e preoccupazione: curiosità per la scoperta di quali scogli ci fossero nelle vite dei ragazzi, preoccupazione perché temevo di non avere più il polso della situazione visto lo scarto generazionale. La lettura si è rivelata molto piacevole per due motivi.

Il primo (ed è quello serio) affonda nella narratologia. Si dice sempre che, per produrre un buon testo scritto, si deve raccontare il particolare per arrivare all’universale. Senza parlare di massimi sistemi e di sentimenti in generale, bisogna trovare il modo per esprimere ciò che tutti proviamo (amore, odio, invidia, solitudine) con una storia ben specifica. Allora leggiamo di racconti che fanno provare la sensazione di inadeguatezza che si prova al proprio primo lavoro come nel racconto “Primo soccorso”; la curiosità del “come saremo” da qui a cinque, dieci, vent’anni come ci viene raccontato in “Dieci anni dopo”; lo scoprire che gli “adulti” hanno la loro vita precedente fatta di gioie ed errori, esattamente come la nostra, e che si avviano verso l’ineluttabile declino come in “Dall’alto”; la perdita e le incomprensioni con gli amici come in “La stanza” e “Incomprensioni”. Piccoli racconti particolari che arrivano a farci provare sentimenti universali.

Il secondo (sembra meno serio) è che non sono così vecchia come credevo. Ovvero, l’empatia che scatta nella lettura di questi racconti trascende dall’essere in un canonico periodo di formazione come quello dell’adolescenza o degli studi. Un’antologia che è lettura coinvolgente per un pubblico di qualunque età.

Sensazione che suscita anche “Il giovane Holden”, a conti fatti; a prescindere dalla propria antipatia personale.

Jules

*sì, non sembra, ma è già passato un bel po’ di tempo.

Salotto letterario “Arrivederci ragazzi”: “Dedalus” di James Joyce

Anche la domenica ci si forma: il 3 ottobre si avvicina rapidissimo e sarebbe un peccato arrivare all’incontro della Fiera delle Parole non sufficientemente formati. Oggi è la volta di un autore che è stata la mia croce per gli anni del liceo, uno scrittore immenso e che, ancora adesso, continuo a non afferrare in pieno. Sono molto lieta quindi di lasciare la parola allo scrittore Renato Costa che si è preso carico di James Joyce e del suo “Ritratto dell’artista da giovane”, per gli amici “Dedalus”.

Copia di meals

Nel gennaio del 1904, James Joyce, allora ventiduenne, scrisse un racconto autobiografico intitolato Ritratto dell’artista. Da quello spunto si sarebbe sviluppato, attraverso una complessa elaborazione durata oltre dieci anni, il primo dei suoi tre grandi libri, che fu pubblicato a New York nel 1916, col titolo Ritratto dell’artista da giovane, e che resta una delle opere fondamentali del romanzo di formazione di tutti i tempi.
Il protagonista, Stephen Dedalus, ovvero “l’artista da giovane”, riproduce sulla pagina i tratti salienti di Joyce stesso, e non è difficile stabilire una corrispondenza precisa fra i dati biografici dell’autore ed episodi e personaggi del romanzo. Dedalus – come Joyce – vive un rapporto ambivalente con la Chiesa cattolica, con l’Irlanda e con la sua famiglia, e appropriandosi delle loro forme e dei loro linguaggi, consumerà la sua ribellione adottando tre precise modalità operative che diventeranno poi tanta parte della sua vicenda esistenziale: il silenzio, l’esilio e l’astuzia.
Ma Dedalus – il protagonista – è anche un personaggio esemplare, una sorta di paradigma dello scrittore. E proprio in questa difficile mescolanza tra personaggio reale e letterario sta la sua ricchezza. Così, oltre che un resoconto lucidissimo delle lotte portate avanti dal giovane protagonista per uscire dal labirinto costituito dall’infanzia, dalla famiglia, dal collegio, dalla città, dalla religione e dalla patria (l’Irlanda che mangia i suoi figli), il libro esplica anche le idee dello scrittore sull’arte e sulla vita.
I fitti dialoghi sull’estetica che riempiono tante pagine del libro rivelano – oltre alla competenza filosofica dell’ex studente dai Gesuiti – alcuni caratteri che resteranno fondamentali nell’opera di Joyce. Si può leggere il Ritratto dell’artista da giovane come uno dei grandi romanzi di formazione del ‘900 letterario europeo, ma da certi scorci s’intuisce già la grandezza delle lontane e ben più famose opere della maturità: l’Ulisse e Finnegans Wake.

Renato Costa

Salotto letterario “Arrivederci ragazzi”: “Il giardino dei Finzi Contini” di Giorgio Bassani

Secondo appuntamento con il salotto letterario di “Arrivederci ragazzi”. Ricordo che l’incontro per discorrere più approfonditamente dei romanzi di formazione, sarà il 3 ottobre dalle 16.00 alle 18.00 al centro universitario di via Zabarella, Padova. Per ulteriori informazioni scrivete a atelierdellartista2018@gmail.com

Finita la comunicazione di servizio da leggersi con il tono degli annunci in stazione, lascio la parola allo scrittore Renato Costa che ringrazio per aver voluto dare un assaggio di cosa poi si dirà durante il nostro incontro. Parliamo ora del giovane classico “Il giardino dei Finzi Contini” di Giorgio Bassani

Copia di meals

 

Sono pochi (anzi pochissimi) i romanzi pubblicati nella seconda metà del Novecento che – a mezzo secolo di distanza – sono un classico della letteratura italiana. Tra questi, di sicuro, c’è Il giardino dei Finzi Contini di Giorgio Bassani.
È una piccola storia, comune a tante, costruita sui ricordi dell’autore. Un microcosmo della provincia italiana che fa i conti con la grande storia degli anni più bui del secolo scorso. Tutto accade in un’oasi di pace, dove i pomeriggi di un grumo di bravi ragazzi ebrei (e non solo) trascorrono monotoni al campo da tennis, chiacchierando di politica, di letteratura, di poesia e di arte. Un angolo appartato e protetto dove crescono le emozioni (e le frustrazioni) di una comunissima storia d’amore adolescenziale.
È uno spaccato di vita giovanile, un lento incedere sul filo della memoria che separa il mondo aristocratico e borghese di una Ferrara tanto inventata quanto riconoscibile, dal cataclisma che la Seconda guerra mondiale porterà nelle vite dei protagonisti. Un quadro idilliaco incastonato in una cornice di morte, di discriminazione, di violenza fascista e di deportazione nei lager nazisti.
Bassani dà spazio al passato e alla nostalgia, immerso in un presente che si consuma lento sulla soglia di un futuro a tinte fosche, reso ancor più buio dalla tragedia della guerra che s’avvicina.
Il giardino dei Finzi Contini è un vero e proprio romanzo di formazione, il cui protagonista sconta sulla propria pelle la forza dirompente di un primo amore narrato con la meravigliosa prosa di Bassani, fatta di subordinate e contro-subordinate, di parentesi e incisi, di lunghi periodi che s’incastrano alla perfezione come i pezzi di un puzzle. Un grande romanzo da leggere – o da rileggere – per apprezzare la sapiente architettura d’un classico d’altri tempi.

Renato Costa