Calendario letterario: 24 novembre

Progetto senza titolo

La statura di frate Guglielmo superava quello di un uomo normale ed era tanto magro che sembrava più alto. Aveva gli occhi acuti e penetranti; il naso affilato e un po’ adunco conferiva al suo volto l’espressione di uno che vigili, anche se il volto allungato e coperto di efelidi poteva talora esprimere incertezza e perplessità. Poteva avere cinquanta primavere ed era dunque già molto vecchio, ma muoveva il suo corpo instancabile con una agilità che a me sovente faceva difetto.

È stata la passione dei miei anni giovanili. Sean Connery, più affascinante nella mezza età che non nei panni di 007, ha regalato al mondo una splendida, magnifica, eccezionale (ehm riprendo il controllo)… dicevo, ha interpretato il francescano Guglielmo da Baskerville nell’adattamento cinematografico del romanzo Il nome della rosa di Umberto Eco. La storia che ha insegnato a noi tutti essenzialmente due cose: la prima, è che rispetto ad Eco siamo degli ignoranti senza speranza. La seconda, è che leccarsi le dita prima di girare la pagina di un libro non ti fa godere a metà, ma ti stecchisce in pieno. E terza, che Sean Connery era un attore così meraviglioso e un uomo così affascinante… Restiamo in tema: oggi, per il calendario letterario, ricordiamo l’arrivo di Guglielmo e Adso all’abbazia da dove inizieranno le loro ricerche sugli omicidi che si consumano tra quelle mura.

Jules

Calendario letterario: 15 novembre

Assomiglia a Audrey Hepburn, ha un gatto bianco, insegna all’Università ed è una stimata criminologa. Guida una Morgan (anche se la lascia spesso a piedi) e vive tra le pagine di carta. Il 15 novembre cade il compleanno di un personaggio che amo moltissimo: Julia Kendall, criminologa di Garden City che dall’ottobre del 1998 ci tiene col fiato sospeso e ci commuove dalle pubblicazioni dei fumetti Bonelli.

Sto continuando la mia collezione, aggiungendo qualche almanacco del giallo, dove una giovane Julia già risolveva casi intricati e non aveva ancora optato per il taglio di capelli alla maschietta.

Progetto senza titolo (1)

Jules

Calendario letterario: 9 novembre

Un lettore forte viene definito “divoratore” di libri. L’hashtag “bookeater” su Instagram conta 17220 ricorrenze. Il festeggiato di oggi, 9 novembre, è uno dei rappresentati più illustri di questa categoria di amanti dei libri: oggi, sopra ad un grosso tomo in una sporca libreria di Boston, nasce Firmino, il topo divoralibri protagonista del romanzo omonimo di Sam Savage.

Firmino è un ratto che ama la letteratura (ad eccezione di quella che racconta di altri topi. Non riesce proprio a mandarla giù) e la sua passione è tale che deve assimilare i libri divorandoli, letteralmente. Se un libro ha un buon sapore, allora è sicuramente anche bello da leggere.

Grey Elegant Monochromatic Photos Monthly Calendar

Molti scelgono il libro in base al titolo; c’è chi legge la prima riga e capisce se fa per lui; c’è chi li annusa. Forse dovremmo fare anche noi come Firmino e masticare un pezzetto di pagina prima di decidere se affrontare o meno la lettura del testo.

Jules

Calendario letterario: 7 novembre

Nel calendario parallelo della letteratura, forse ci sono poche date così famose e significative. La sera del 7 novembre, un povero e pauroso curato di campagna sta rientrando dalla sua passeggiata. Camminando, legge, scosta con il piede i ciottoli che lo possono ingombrare e ogni tanto butta l’occhio in giro. Ad un certo punto, incontra due brutti ceffi che lo minacciano con una delle frasi più usate e conosciute della letteratura mondiale.

Oggi, per il calendario letterario, ricordiamo l’incontro tra Don Abbondio e i Bravi di Don Rodrigo e la conversazione che dà l’avvio ad una delle storie d’amore più travagliate di tutti i tempi

 

Grey Elegant Monochromatic Photos Monthly Calendar

Jules