Blog

Oggi si consiglia… per iniziare la primavera “Somnium”

Il nostro pianeta è in pericolo. Non è l’inizio di un film di supereroi, non è una dichiarazione ad effetto: è la verità. Stiamo spingendo la Terra sempre più verso un punto di non ritorno tanto da sembrare all’inizio di un film post apocalittico quando tutti prendono sottogamba le dichiarazioni degli scienziati e gli allarmi sempre più frequenti. Ma sì, in fondo, cosa volete che succeda veramente? Oggi inizia la primavera, la natura si risveglia e siamo tutti preda di un sentimento d’amore per il pianeta che ci fa da casa. Per cercare di mantenere questo sentimento non c’è nulla di più adatto di “Somnium” romanzo fantasy a firma di Feliscia Silva (alias Il Lettore curioso) e Gloria Credali.

«Tu non sei un’umana, sei un Blazon. Sei un Uomo-Animale. Il tuo compito è quello di mantenere l’equilibrio naturale nel mondo e svolgere i doveri che ti verranno assegnati.»

Doli è una nativa americana scappata dalla propria famiglia per non dover fare i conti con il proprio pesante retaggio. Ha studiato, si è costruita una carriera e vive solo per il proprio massacrante lavoro che non le lascia spazio per altro. Un giorno, in ritardo per andare a prendere un illustre cliente della propria azienda, incontra un personaggio eccentrico che si presenta come Dex Folives e le rivela che lei è un Blazon, un essere metà umano e metà animale che ha come scopo quello di proteggere la Terra. Doli incarna il potentissimo spirito dell’Aquila, un Blazon che non si vedeva da centinaia di anni. Dovrà seguirlo e andare con lui su Somnium per iniziare il proprio addestramento. Doli, che ha lavorato sodo per lasciarsi alle spalle tutto il misticismo della sua gente, marchia la cosa come follia. Eppure non può ignorare le ali che le lacerano la maglietta; non può fingere che il suo vicino di casa l’abbia attaccata per portarla dalla parte di una misteriosa Fazione; e non può liquidare come follia il mondo di Somnium che, come un primigenio Eden, si apre ora sotto i suoi occhi.

Scrivere romanzi a quattro mani e tutt’altro che semplice. Riuscire a rendere fluida la narrazione amalgamando gli stili è lavoro complesso, ma le autrici sono riuscite benissimo nell’intento. “Somnium” è un fantasy che mescola l’avventura, il romanzo di formazione e il significato allegorico in maniera ben calibrata.

Lo scontro di valori che si svolge in “Somnium” è strettamente legato alla Terra. Come ne “Il Signore degli Anelli” dove la selvaggia industrializzazione di Saruman si scontra con le forze degli Ent, nel romanzo a quattro mani di Feliscia e Gloria la vita in comunione con il pianeta è il punto di partenza. I Blazon esistono per aiutare la Terra Umana a mantenere la sua armonia e, d’altra parte, vivono su Somnium in piena simbiosi con il mondo che li circonda. Simbiosi accentuata dal legame che ciascun Blazon ha con il proprio Incarnato, l’animale guida. Un mondo che può essere feroce, una Madre Natura Matrigna, ma che fornisce sempre il rimedio, la cura e tutto ciò che può servire ai propri abitanti. Esattamente come la Terra Umana se ci si desse la pena di ascoltarla. In contrapposizione a questa difesa che si riunisce sotto la guida del saggio per eccellenza Cole Sowl (l’Uomo Gufo e Mentore Supremo) si schiera la Fazione, Blazon ribelli che vogliono solo portare distruzione attorno a loro. Composta da animali tradizionalmente giudicati malvagi o ambigui (l’Uomo Coccodrillo, l’Uomo Squalo, l’Uomo Serpente), la Fazione genera caos e mira alla rottura di tutti gli equilibi.

Per quanto Doli sia considerata la più potente e la più rara dei Blazon, senza la cooperazione degli altri ciascuno portatore di un potere speciale legato alla propria forma animale, non può trionfare. Non è un’Eletta in senso stretto, anche se il suo marchio a forma di saetta fa scattare un’associazione, ma è un tassello importante nel mantenimento dell’equilibrio e dell’armonia. Perché di questo parla Somnium: di bilanciamento ed equilibrio. Senza la pretesa di sradicare del tutto il male perché anche con la sconfitta tornerà sempre a ripresentarsi, ma sulla comunione d’intenti e sul far fronte comune.

In questa giornata ci piacerebbe forse pensare che possa esistere un gruppetto di predestinati che veglia su di noi e ci impedisce di attraversare quel punto di non ritorno. Ma forse è meglio pensare che possiamo essere parte di quel gruppetto e cercare di fare fronte comune per salvaguardare il nostro pianeta. Non c’è un pianeta B, non ci sono Blazon pronti a salvarci: ma ci siamo noi.

Jules

L’ultima Pagina di Giulia Pretta [RECENSIONE]

Condivido la prima recensione su “L’ultima pagina”. Cos’è? Il mio romando uscito fresco fresco per Ciesse Edizioni. Roba romantica, ambientata a Londra, da leggere nei momenti di svago.
Grazie a Il lettore curioso per la lettura e la recensione.

Il Lettore Curioso

Buongiorno lettori! Oggi per voi la recensione di un libro che ho avuto il piacere di leggere di recente e che mi è stato fornito dalla scrittrice emergente Giulia Pretta (che ringrazio): L’ultima pagina, edito Ciesse Edizioni.

41aqEGmNIEL._SX350_BO1,204,203,200_.jpgMark Holden, scrittore londinese di una celebre serie di thriller, si risveglia in ospedale in seguito a uno scippo. Nonostante la paura di essere rimasto vittima di un’amnesia, Mark si rende conto di ricordare tutto quanto e in breve tempo ritorna alla vita di tutti giorni.
La sua quotidianità viene però ravvivata da una novità, la sua nuova vicina di casa Judy Morgan, che si chiama come la protagonista femminile della sua trilogia letteraria. Judy è attraente, simpatica e ben presto i due legano, anche grazie alle chiacchiere sulla loro vicina impicciona, Mrs Mills.
Quando la donna apprende che Mark ha persona la sua preziosa borsa di pelle durante lo scippo, gli presenta un…

View original post 324 altre parole

Ex Novo: quanto è bella primavera che si fugge tuttavia

Marzo richiede che tiriamo fuori la testa dal piumone. Se anche (come la sottoscritta) non vi siete ancora liberati dell’influeza e se anche le prime avvisaglie del cambio di stagione si stanno facendo sentire, l’aria tiepida tira tentatrice verso l’esterno. Meglio ancora, verso l’estero in cerca di mete in cui potersi scrollare di dosso il grigiume e l’apatia che i mesi invernali ci lasciano in regalo.

Dai tropici al giardino del Collegio si assiste ai primi risvegli

Non che in Collegio Nuovo si stesse mai troppo in letargo: tra gente che andava e veniva, partiva e ritornava dalle varie mete di intership, Erasmus, scambi e viaggi studio non c’era periodo di restare troppo ferme: l’esotico ha sempre chiamato. Tendenza che non è cambiata con gli anni a giudicare dalle foto che arrivano da ogni angolo del globo. E anche chi è rimasta in un pezzetto di pianeta più vicino non mostra certo di aver bisogno di uscire dal torpore. Ma se ci fosse qualcuno con una certa necessità e motivazione a ripartire con la bella stagione, ecco il romanzo che può fare al caso suo: “Il club dei nevrastenici” di René Dalize.

Nei 135 articoli del regolamento del Club che aveva minuziosamente redatto, Archibald aveva esposto le sue idee al riguardo. E tra queste vi era la convinzione che per gli stanchi intellettuali e per gli artisti la vita notturna fosse preferibile a quella del giorno. La luce abbagliante del sole esasperava infatti un sistema nervoso che al contrario si schiudeva discretamente sotto i raggi della luna.

È il 1915 e, dalla Cina, arriva una violenta pestilenza. Parigi è nel caos. Chi cerca di emigrare, chi teme ogni colpo di tosse o vertigine. In mezzo a questo trambusto, c’è un gruppo di imperturbabili gentiluomini e gentildonne che non temono il morbo: il club dei Nevrastenici. Tutti non sposati, indipendenti, con sacro orrore delle responsabilità e di qualunque forma di movimento, si crogiolano nel languore e nel cinismo. Non fosse per una misteriosa missione affidata al loro segretario generale, Alain-Claude Morcœur, chissà? forse penserebbero addirittura al suicidio pur di non dover affrontare la peste. Dal vecchio continente fino alle Antille alla ricerca di una giovane creola, il raffinato gruppo affronta le vicissitudini più assurde, sempre con lo snobismo che distingue la buona società parigina. Una pestilenza, un vulcano o un naufragio non sono buoni motivi per perdere il controllo o per non cambiarsi di toeletta nel pomeriggio, che diamine!

Pubblicato nel 1912 a firma (sotto pseudonimo) dell’autore amico di Apollinaire, il romanzo d’avventura parte con un rifiuto verso la società e la natura. I Nevrastenici si isolano tramite oppiacei, l’alcol, con la razionalità filosofica, ma tutti si sentono a disagio nella moderna Parigi. La luce del sole li disturba e non consente loro di uscire, il movimento, fosse anche per attraversare una piazza, crea ansia, il lavoro e le responsabilità, come quello di crearsi una famiglia, possono causare l’espulsione dal club. La peste che travolge Parigi sembra offrire una buona scappatoia da questa vita che causa solo invincibile languore. Ma la missione di ritrovare una parente illegittima che vive nelle Antille è una buona via di fuga. I Nevrastenici decidono quindi di intraprendere questo viaggio rimandando il suicidio collettivo che avevano organizzato con cura.

Ma fuori Parigi li aspetta la natura. Una natura, da principio, rifiutata, visto che alla prima traversata oceanica il mal di mare li spinge a tornare indietro, ma poi affrontata e capita. I raffinati Nevrastenici passano attraverso un naufragio (causato in parte dal filosofo del gruppo che spinge il capitano dell’imbarcazione a dubitare di se stesso), a una traversata della foresta amazzonica, all’eruzione di un vulcano. Il crescendo di difficoltà, alle quali si intreccia anche la lotta contro un disonesto e truffaldino parente di Morcœuer, porta i Nevrastenici a sentirsi meglio. Le emicranie, le dipendenze e la spossatezza che li accompagnavano a Parigi, a contatto con la natura e con situazioni spartane, scompaiono e in loro si riaccendono desideri e passioni che cozzano con il ferreo statuto del club. Echeggiante con la filosofia di Rousseau, a tratti con sentori del Candido e con una deliziosa ironia che anticipa il migliore Wodehouse, Il club dei Nevrastenici inneggia all’armonia tra uomo e natura: solo in essa si può trovare la vera salvezza.

Con la stanchezza di stagione può coglierci un pericoloso languore. Ma se i Nevrastenici ce l’hanno fatta a superare la loro indolenza, allora per noi sarà una passeggiata fare il primo passo fuori dalla porta. Come diceva Bilbo, è sempre quello il più pericoloso ma promettente.

Jules

Ex Novo: quante maschere a febbraio

Febbraio è il mese del Carnevale. Febbraio vola via veloce. Febbraio ha i primi soli malati. Febbraio ti vizia con le frittelle e le chiacchiere. Febbraio è burlone e anche se vestito in maniera variopinta ti tormenta con le ultime influenze. Febbraio è poliedrico e multisfaccettato, indossa una maschera per ogni occasione. Febbraio, quando sei all’università, ti accoglie sfinito dopo la sessione di esami, ma ti aspetta con l’apertura dell’anno accademico e le nuove lezioni. Febbraio è come l’insegnante sorridente che ti appioppa tre versioni di greco per il giorno dopo. Insomma, io di febbraio non mi fido: ha troppi aspetti, troppe personalità. Devi far fronte a molte cose, devi essere guitto e anche santo, godereccio e morigerato. Ci vorrebbe quasi la capacità di essere in più posti contemporaneamente, di avere una borsa sempre pronta con dentro il necessario per ogni avventura, pronta a fronteggiare la nuova testa dell’Idra di Febbraio. Per fortuna c’è un’eroina che sembra fatta apposta per entrare nella giusta atmosfera per gareggiare con questo mese: sto parlando di Lily Bells e delle sue straordinarie bilocazioni uscite dalla penna di Valentina Ferri ed edito per L’Iguana Editrice.

Anche le Nuovine si bislocano 😀 un po’ qui nei corridoio del Collegio Nuovo- Fondazione Sandra e Enea Mattei e un po’ nell’antica Roma con il toga party

Lily Bells disegna tappezzerie e tessuti a tema volatili che purtroppo nessuno vuole acquistare; organizza ogni giorno feste di compleanno per dei bambini immaginari; si prende cura dei gatti di tutto il vicinato; adora indossare la guêpière (e da qualche parte ha anche nascosto il frustino); ha questo straordinario potere delle bilocazioni, ovvero di essere in due posti allo stesso momento. Influenzata dalle sue letture serali e dalla sua passione per le vite delle sante, può sdraiarsi a letto e trovarsi catapultata nella Spagna di Filippo IV; essere rinchiusa in un sotterraneo e rischiare di il rogo come strega dopo aver ballato un fandango in un’equivoca taverna. Lily ha un borsa che fa invidia a Mary Poppins con all’interno

Una bussola. Ah, questa è fondamentale, sa. Di questi tempi, di quando in quando (ma solo di quando in quando) mi perdo. Deve essere il cambio di stagione, con queste luci che variano dal mattino al pomeriggio e che mi lasciano un poco disorientata. Così, ecco la bussola. […] «Spago, un bel gomitolo grosso. Un maglione di lana di pecora scozzese. Due scatole di fiammiferi lunghi. Un coltello da cucina (avrei preferito un coltellino di quelli svizzeri, con le lame che escono, scattano e poi spariscono, ma non l’ho trovato da nessuna parte). Un astuccetto di seta gialla ricamata a ideogrammi con set di aghi, filo lilla e verde muschio, spille da balia e un ditale di plastica made in china. Poi le spiego a che mi servono. Una confezione di brioches alla marmellata a lunga conservazione (queste sono per me: io sono di una golosità irrefrenabile) una scatoletta di dadi vegetali senza glutammato, un quaderno a quadretti di 4 mm con la copertina rigida, due penne a sfera blu. Poi… vediamo… ah, sì: una giacca impermeabile rossa, utilissima in caso di pioggia, con chiusura a doppia fascia elastica e velcro superadesivo. C’è anche un piccolo mappamondo di cartapesta, guardi un po’ qua se non è carino. E poi… Ah, ecco. Tre bustine di tè al bergamotto e quattro scatole di croccantini al fosforo per gatti in crescita.

Lily Bells è il prototipo dell’eroina stramba, la vicina un po’ pazzerella che sembra agire spinta dal vento dispettoso di Carnevale, ma che in realtà è molto più preparata di noi ad affrontare situazioni impreviste. Febbraio richiede immaginazione e adattamento e leggere un po’ di Lily può solo che aiutarci. Prendete esempio da lei nel buttare in borsa le cose che vi servono per la giornata.

Per fortuna, anche al Collegio Nuovo, non manca quel pizzico di fantasia e di multisfaccettatura che permette di correre attraverso febbraio: un mese che passa alla velocità della luce e comincia a ricordarti che il letargo sta per finire. State pronti.

Jules

I libri del lunedì: audiolibro sia

Gennaio è un mese per veri duri. Bisogna essere dei veri badass per essere nati a gennaio, per vivere a gennaio, per affrontare nuove avventure a gennaio. Non a caso in questo mese cade il Blue Monday; non per caso la scuola è costellata di verifiche di fine quadrimestre; non a caso a gennaio succedono un sacco di cose che non si pensava potessero accadere. Dio non giocherà a dadi con l’Universo, ma anche noi a gennaio non perdiamo tempo con Candy Crash. Questo specifico gennaio 2019 con me è stato molto serio: ha raccolto la mia sfida di avere un anno “avventuroso” e, con la serietà del mese che ospita il segno del Capricorno, ha deciso di mettermi davanti una serie di prove. Ho iniziato a insegnare scrittura creativa; mi sto destreggiando con i primi editing professionali della mia vita; sto seguendo passo passo la nascita di un’antologia; mi è arrivato un gatto; mi hanno detto che devo lasciare la casa in cui vivo. È solo il 28: gennaio è anche un mese molto lungo e so che potrà riservare ancora un colpo di coda nelle pieghe degli ultimi giorni. Gennaio ed io ci stiamo divertendo: sono nata in questo mese, so come funziona e so come giocarci. L’unico problema è il tempo residuo da dedicare alla lettura di libri editi.

Dico che è un problema, ma in realtà è una questione di selezione, tanto importante nella narrativa come nella vita. Leggendo tutto il giorno testi di altri, testi in genesi e che richiedono attenzione, mi sono vista costretta a selezionare con molta cura i volumi a cui dedicare il mio tempo libero e di svago. Gennaio si è riempito quindi con “Nel cuore della notte” di Rebecca West (esce proprio oggi per Fazi e su Criticaletteraria trovate la mia recensione); “Robin Hood” di Alexandre Dumas; “Luce d’estate ed è subito notte” di Jòn Kalman Stéfasson; “L’amica geniale” di Elena Ferrante. Quest’ultimo è il protagonista della mia prima volta con un audiolibro.

Mi è sempre piaciuto farmi leggere storie ad alta voce. Sarà per un retaggio dell’infanzia, ma trovo rilassante che qualcuno legga per me. Questione sentimentale e necessità di incastrare la lettura in ogni angolo buono, ho provato la tanto famosa Audible e ho ascoltato il primo romanzo della saga letto da Anna Bonaiuto per la casa editrice Emons, specializzata in audiolibri. Ammetto di aver scelto “L’amica geniale” per due ordini di motivi: il primo è che il non averlo letto ti taglia un po’ fuori dal mondo dei lettori contemporanei. Il secondo è che non si trattava di un romanzo che mi avesse mai messo voglia di leggerlo. Sono stata abbastanza onesta da riconoscere che non avrei mai speso una settimana per le 400 pagine con la storia di Elena e Lila.

È stato fantastico. Tempi normalmente “sprecati” in attività quali la doccia, lavare i piatti, compiere il tragitto casa-lavoro in macchina, si sono trasformati in tempi di lettura. Quando poi a leggere è la voce di un’attrice che ha la possibilità di caratterizzare i personaggi anche meglio di come faresti tu nella tua mente, la storia prende colore. Undici ore di ascolto (tanto era il tempo dell’audiolibro) sono passate in un lampo, un po’ come questo gennaio. A livello di romanzo, confermo la mia prima idea, ovvero che non rientra per nulla nei miei gusti, pur riconoscendo che sia costruito in maniera molto attenta (e parlo della storia, non dell’ambientazione che non ho modo di riscontrare, ma che appassionati mi dicono essere splendida). Senza l’audiolibro non l’avrei mai considerato, perdendomi quindi un pezzo di letteratura che pare destinata a passare ai posteri. Potrebbe diventare una buona soluzione: tenere gli audiolibri per i testi che so che non leggerei mai volentieri. Per tutto il resto c’è la carta stampata: se passa l’attenta selezione che da ora in poi accompagnerà la mia vita di lettrice.

Jules

Ex Novo: a gennaio mi iscrivo in palestra

Quali sono le frasi che sentiamo dire più spesso?

“Non ci sono più le mezze stagioni”.

“Ma che ne sanno i 2000?”

“E allora il PD?”

“A gennaio mi iscrivo in palestra”

Non dite che in questa prima settimana del nuovo anno non avete ancora sentito qualcuno, pieno di buone intenzioni e cotechino fino alle orecchie, pronunciare questa fatidica sentenza. Gennaio porta la voglia di lasciarsi alle spalle le vecchie cattive abitudini e il vecchio confortante grasso. Gennaio ispira pensieri salutisti suicidi, fa dichiarare con orgoglio di aver pranzato con una centrifuga di broccoli e pompelmo, fa venir voglia di fare tutto per bene.

Circa metà della mia vita è stata dedicata a uno sport che ho amato tantissimo: la pallavolo. Scelta condivisa, tra l’altro, da un buon 80% della mia generazione perché tutte guardavamo i cartoni con Mila e Mimì e volevamo fare i palleggi alla velocità della luce e stare in aria mentre il fuoco ribolliva in fondo ai nostri occhi. Quando ho iniziato l’università ho continuato a giocare nella squadra del Collegio Nuovo perché a Pavia si disputava il torneo intracollegiale che dava il via ad accese rivalità che non si vedono nemmeno nelle gare di canottaggio tra Yale e Harvard. I tornei coprivano buona parte degli sport e il collegio che collezionava più vittorie si aggiudicava il Coppone. Avere il Coppone in Collegio era motivo di vanto e lo si dichiarava con lo stesso orgoglio con cui la McGranitt sfotte Piton quando Grifondoro vince il torneo di Quiddich. Tra gli sport non poteva mancare il calcio e poteva contare su un’agguerrita curva di sostenitori e sostenitrici che mettevano nel tifo la stessa passione che anima Nick Hornby nel suo supporto alla squadra del cuore: l’Arsenal.

Foto che ormai rientra nel vintage: 2001, squadra nuovina vincitrice del Torneo Intercollegiale di calcio a sette

Febbre a 90°, dal quale è stato tratto un film con Colin Firth nei panni del protagonista, è una biografia dell’autore vista in relazione e sotto la lente della passione calcistica. Nick Hornby da bambino si appassiona alle vicende della squadra dell’Arsenal e dai dieci anni in poi tutta la sua vita sarà ispirata e condizionata dalle peripezie del club. In continuo parallelo tra le vicende della sua vita e quelle della squadra, Hornby prova a far capire a chi tifoso non è cosa può spingere un uomo a saltare ricorrenze, rifiutare lavori, ignorare gli amici in virtù della programmazione del campionato. Il calcio non è solo uno sport, ma un modello su cui capire qualcosa del mondo e su se stessi. L’Arsenal è per lui uno sprone a pensare che le cose non possano andare male per sempre, il calcio è parte integrante della sua formazione.

“Buona parte della mia conoscenza dei luoghi in Gran Bretagna e Europa non deriva dalla scuola, ma dalle partite fuori casa o dalle pagine sportive, e il fenomeno degli hooligan mi ha fornito sia un certo gusto per la sociologia che un certo grado di esperienza sul campo. Ho appreso il valore di investire tempo ed emozioni in cose che non sono io a controllare, e di appartenere a una comunità della quale condivido le aspirazioni in maniera totale e acritica. E la prima volta che andai allo stadio di Selhurst Park con il mio amico Rospo vidi un morto, il mio primo e ancora unico morto, e imparai qualcosa, be’, sulla vita.”

Condito da dettagliati riferimenti a ogni singolo incontro dagli anni Sessanta in poi, Febbre a 90° è educazione sentimentale e sociale per l’autore. L’Arsenal pare andare in parallelo con la sua vita, gli tende la mano nel momento del bisogno, lo esorta a ignorare una caviglia slogata pur di andare in tribuna a tifare per il suo club. Come per chiunque abbia una vera passione (al limite dell’ossessivo), il calcio è il punto fisso della sua vita e riesce a far percepire a chi tifoso non è un po’ di questa travolgente malattia. Sempre con la discreta ironia che fa di Hornby un autore piacevole, il romanzo può essere letto anche da chi (come la sottoscritta) di calcio non sa nulla. Per ricordarsi di fare attenzione ai buoni propositi: non sia mai che da un banale “a gennaio faccio sport” non si trasformi in una divorante e totalizzante passione.

Jules

Calendario dell’Avvento: 24 dicembre


-Un Natale non è Natale senza regali!- brontolò Jo sdraiata sultappeto.
-È orribile essere poveri!- esclamò Meg guardandosi il vecchiovestito.
-Non credo sia giusto che alcune ragazze abbiano tante belle cose edaltre niente del tutto-, aggiunse la piccola Amy con un sospiro.
-Noi abbiamo il babbo e la mammae l’affetto che ci unisce-, disse quietamente Beth dal suo angolino.

“Piccole donne” di Luisa May Alcott,
Fabbri Editori
Pensavate mancasse? Il classico dei classici per la vigilia, sia in musica che nel romanzo scelto per augurarvi buona vigilia