Oggi si consiglia…per il dentista

Copia di meals

“Guarda, preferirei andare dal dentista”. Una frase che si usa per indicare compiti o incombenze sgradevoli che si preferirebbe evitare. Il dentista è un luogo che genera paura e apprensione a ogni età. La semplice parola evoca ronzii sinistri di trapani, apparecchi metallici scintillanti nel buio, denti con radici enormi che non vogliono essere estratte.

Dentista.

Lo sentite? Sentite il ronzio?

Persino io che con il dentista (vedete lo scintillio?) non ho mai avuto esperienze traumatiche, all’idea di andarci tendo a procrastinare. Se da bambini è un obbligo imposto dai genitori che si premurano di prenotare gli appuntamenti ed esortarci a lavarci bene i denti, da adulti l’incombenza passa a noi.

Quando si diventa grandi si pensa che ci si potrà liberare dagli obblighi sgradevoli: potremo evitare di lavarci i denti tutte le sere, se non vorremo prenotare il dentista ogni sei mesi nessuno potrà forzarci. Mai credenza bambina fu così fallace. La verità è che, anche senza obbligo, dovremo preoccuparci della salute delle nostre fauci, sottoporci al dolore, tenere d’occhio i mesi tra una prenotazione e l’altra e sobbarcarci i costi non indifferenti. E tutto questo lo dovremo fare senza nessun obbligo per conto terzi. Uno spasso vero? Visto che questo mese è dedicato alle incombenze dell’età adulta (trovate i precedenti capitoli qui e anche qui) oggi parliamo del dentista. Rimedio suggerito: Topolino.

Le sale d’attesa dei dentisti non cambiano mai: riviste impilate in un angolo, fumetti in un altro. Le riviste sono un armonico miscuglio di pubblicazioni scientifiche, fogli patinati sui viaggi, inserti di ricette (soprattutto di dolci, per qualche strana forma di sadismo) e flessuose modelle che sfoggiano borse che costano come il preventivo che andrai a saldare dopo la visita. I fumetti sono in larga parte fatti da Topolino, Paperino e PK in vari gradi di disfacimento: pagine colorate che cadono a terra come i vostri denti da latte.

Continuate a sentire il ronzio minaccioso?

Sta di fatto che quando andavo dal dentista ed essendo già una che arrivava cronicamente in anticipo già da bambina, potevo occupare il tempo con la lettura dei Topolino. Perché Topolino, quando ero piccola, non lo si comprava ogni mercoledì. Era un regalo per quando avevo preso un bel voto o aiutato in casa o una sorpresa che la nonna mi faceva trovare all’uscita di scuola. Quindi avevo un sacco di arretrati da recuperare e non mi pesava nemmeno più di tanto andare dal dentista. Se fossi stata brava poi, per premio, avrei potuto chiedere uno speciale di Paperinik o Minnie&Company.

Insieme alle caramelle, se non avessero trovato carie.

Pochi giorni fa mi sono sottoposta all’annuale controllo e mi sono messa in borsa Topo Maltese, la rivisitazione di Corto Maltese fatto da Tito Faraci. Finita quella mi sono letta l’ultimo Topolino che ho trovato in sala d’aspetto. E c’è mancato poco che non rispondessi “Ancora un momento!” quando mi hanno chiamato per sottopormi al ronzio della macchina per la detartrasi.

Jules

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...