Oggi si consiglia a… pettegoli, maranteghe e betoneghe

Copia di meals

Il fratello se la sta cavando alla grande con la padrona di casa.

Come scusate?

Dice che la farà alzare nel giro di una settimana.

Non capisco.

Era a letto malata.

Davvero?

Oh, sì, ci ha avuto un brutto attacco il giorno di Capodanno. Era già un po’ che soffriva di reumatismi […]

Avrete sicuramente chiamato un dottore.

Era proprio qui che ti volevo. Il fratello ha scatenato un putiferio micidiale. Non voleva neanche sentirne parlare, lui. Questo perché ci ha sempre avuto la tendenza a vederli mica tanto di buon occhio i dottori. Non li ha mai voluti tra i piedi.

Capisco.

[…] Sii il dottore di te stesso, dice sempre il fratello, o va’ da ignorante che capisce l’essenziale. Quell’influenza che circolava per Natale, be’ il fratello dà la colpa ai dottori anche per quella.

Questo scambio di battute che ho dovuto ridurre un po’ per ragioni di spazio e di SIAE e che forse ho mutilato della sua esilarante percentuale comica, è il calco di conversazioni che tutti affrontiamo di tanto in tanto.

Ma hai saputo della Gianna? L’hanno trovata in ufficio con… No, aspetta, tu non sapevi che la Gianna si fosse lasciata col fidanzato? No, scusa, come non hai mai visto il fidanzato? Ma era quel tipo moro, alto, la fronte un po’ da Neandhertal… oh se piaceva a lei. Comunque l’hanno trovata in ufficio al terzo piano… come cosa ci faceva al terzo piano? Le hanno cambiato mansione…. oh, sul serio ma dove vivi?

Io affronto conversazioni di questo genere quasi tutti i giorni dopo i pasti, come se dovessi prendere dei medicinali contro la gastrite. Sono una di quelle persone che veleggiano inconsapevoli per il mondo, capaci di chiedere come va una relazione appena naufragata o sbagliare i nomi dei gemelli appena nati della tua collega. “Cascare dal pero” per me è disciplina olimpica. Agli antipodi del mio atteggiamento in fatto di relazioni sociali ci sono persone attente, perennemente informate e desiderose, molto desiderose, di fare sfoggio della loro conoscenza: sono definiti, talvolta e con cattiveria, “pettegoli”. C’è un pettegolo doc in ogni ambiente: a scuola si chiamano ficcanaso, al lavoro pettegoli, al Pentagono spie di alto livello. Senza di loro si perderebbero informazioni fondamentali per la comprensione delle dinamiche intorno a noi, non arriveremmo mai ad esplorare appieno le sfumature della Comédie humaine. In loro onore e per il loro diletto, oggi si consiglia Cronache dublinesi di Flann O’Brien.

Giornalista irlandese, Flann O’Brien ha tenuto per un ventennio una rubrica di cronache dublinesi su quotidiano Irish Times. Dagli anni ’40 in poi non ha risparmiato nessun vezzo, nessuna scorrettezza e nessua categoria ai suoi concittadini. Dai pomposi artisti, al “fratello” faccendiere che sa sbrigarsela con tutti, dai medici ai truffatori, al finto processo sui gelati alcolici, ad un inventario preciso e puntuale degli scocciatori che girano per la città, O’Brien non ha pietà. Da scanzonato  giornalista di costume prende in giro tutto e tutti, in maniera molto democratica, e nulla c’è che lui ignori della propria città.

Sì, ha sempre scritto sotto pseudonimo.

Pettegoli, attenti conoscitori della natura umana, continuate le vostre indagini. Indossate delle cuffiette per la musica (senza musica) in modo da poter ascoltare le conversazioni più disparate; non girate mai senza bicchiere per potervi appoggiare più comodamente alle porte spesse. E leggete come il vostro talento possa tramutarsi in un godibilissimo e divertente romanzo.

Fortuna che sono sotto pseudonimo anch’io.

Jules

2 pensieri riguardo “Oggi si consiglia a… pettegoli, maranteghe e betoneghe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...