Shopping: un regalo alle neo mamme

bookcard-dederer

Una vera tortura. Era proprio questo che mancava alla mia pratica. L’immobilità. In quel momento ero immobile e avevo paura. Ero incredibilmente a disagio e non ci potevo fare nulla. Non potevo muovermi più in fretta o concentrarmi sulla transizione successiva. Non era un compito da portare a termine, un orologio da tenere d’occhio, un bambino da cullare, una cena da preparare, una madre da chiamare, un marito da ascoltare, una scuola da pulire, una macchina da riempire di benzina, una scadenza da rispettare, un editor da placare. Non potevo fare niente per risolvere questa cosa. Potevo solo rimanere. C’era solo questo disagio.

Completiamo i venerdì del mese con l’ultimo consiglio legato ai compleanni: dopo i 18 e i 60, facciamo un ulteriore passo indietro e arriviamo al compleanno 0.0, la nascita. Non voglio addentrarmi su suggerimenti di libri per neonati: poche settimane fa sono andata a comprare un libro per una bimba di un anno e la libraia ha dovuto guidarmi, con grande competenza, almeno verso la fascia di età giusta per evitare che regalassi Robinson Crusoe con i commenti bibliografici a margine. Sono poi dell’idea che, alla nascita di un bimbo, ci si concentri solo sulla nuova creatura e non sulla neo mamma, sicuramente più provata e stanca.

Claire Dederer, scrittrice statunitense freelance, ci guida nel mondo dello yoga attraverso la sua personalissima esperienza di multi madre. Il rischio con molti libri sull’argomento, è di cadere nella propaganda e nella celebrazione assolutistica e acritica della pratica. Personalmente faccio yoga, ma ci sono delle volte in cui esco e non mi sento illuminata o bilanciata, ma solo con i muscoli che tremano e la sensazione di non essere stata nè fluida nè aggraziata e mi interrogo sulla bontà dell’esercizio. L’autrice si pone esattamente sul nostro piano di donne comuni e usa lo yoga come una possibile metafora per interpretare alcuni aspetti della nostra vita: ad esempio, la posizione del corvo può essere perfetta per simboleggiare la paura del trasferimento, quella del bambino, un ottimo modo per lunghi flashback. Alternando i suoi tentativi e la sua pratica alla sua vita quotidiana ci mostra come, oltre alle volte storte, ci siano anche le giornate in cui si esce da yoga convinte di aver veramente apportato dei miglioramenti, a sè stessi e al modo di eseguire qualche posizione. Quei momenti sono splendidi.

Regalatelo a delle neo mamme, insieme ad un tappetino da yoga se vi va. Al momento non avranno tempo, sicuramente, e saranno stravolte da mille e più incombenze. Ma ci sarà il giorno in cui saranno più libere e avranno bisogno di un angolo di giornata tutto per sè. Sperando che avvenga prima che il pargolo si inscriva all’università.

Jules

RIASSUNTO IN 35 PAROLE
Claire Dederer dopo la nascita della prima figlia, decide di provare lo yoga per migliorare la condizione della sua schiena. Senza cercare proseliti racconterà la sua esperienza di yoga come chiave di lettura per la vita di tutti i giorni.

Un pensiero riguardo “Shopping: un regalo alle neo mamme

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...