Libri del lunedì: storie vere che sembrano favole

bookcard-guareschi

– Se in questo sporco paese le case dei pochi galantuomini potessero galleggiare come l’arca di Noè, io vi pregherei di far venire una tal piena da spaccare l’argine e da sommergere tutto il paese. Ma siccome i pochi galantuomini vivono in case di mattoni uguali a quelle di tanti farabutti, e non sarebbe giusto che i buoni dovessero soffrire per le colpe dei mascalzoni tipo il sindaco Peppone, vi prego di salvare il paese dalle acque e dargli ogni prosperità.-  […] Don Camillo prese la via del ritorno e, quando fu arrivato sul sagrato e si volse perché il Cristo desse l’ultima benedizione al fiume lontano, si trovò davanti: il cagnetto, Peppone, gli uomini di Peppone e tutti gli abitanti del paese. Il farmacista compreso che era ateo ma che, perbacco, un prete come don Camillo che riuscisse a rendere simpatico il Padreterno, non lo aveva mai trovato!

Questo è il lunedì per eccellenza. Dopo due settimane o più di orari rilassati, ponti, confusione sul giorno della settimana, ecco che il 9 gennaio ci accoglie, freddo e pronto alla lotta. Ci portiamo dietro un po’ di relax, qualche chilo in più e ancora degli avanzi nel congelatore perchè il cibo natalizio è difficile a morire. Nel mio caso specifico ho ricevuto la visita dei miei genitori direttamente da terra sabauda: la bagna cauda non ha avuto scampo, gli agnolotti invece sono stati porzionati e congelati, sapendo che ben presto avrei avuto bisogno del loro potere confortante.

Per cercare di addolcire questo lunedì ho scongelato una porzione, l’ho condita con burro e salvia e ho cercato ulteriore rifugio nelle pagine del mondo piccolo di Guareschi. Generalmente, associo il suoi libri all’autunno e consiglio di leggerli all’aperto, avvolti in un mantello: ma sono da sempre così innamorata di questo autore da fare uno strappo. Nelle avventure del prete e del sindaco più famosi della letteratura italiana troviamo un mondo ancora pulito: una convizione quasi assoluta del bene e del male, idee precise interpretate però con grazia e ingenuità fanciullesca. Ogni parola scorre lenta, come il grande fiume, e raggiunge la grandezza senza necessità di complessi sintagmi e parole al di fuori del vocabolario più basilare. Ci si sente bene leggendolo e mandando giù un piatto corroborante. Perchè se questo è il primo grande lunedì dell’anno e ci sentiamo come bambini che devono tornare a scuola, allora tanto vale cullarsi con queste storie vere che sembrano favole.

Bentornati a tutti e buon inizio anno!

Jules

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...